mercoledì 18 febbraio 2009

SOLA CON IL MIO RIFLESSO...


"Sono prigioniero con la porta aperta", è una frase che mi ritorna in testa, non ricordo nemmeno di chi sia, letta su su un libro di psichiatria quando ero più piccola..Torno a sfogarmi su un blog, illudendomi di avere "amici" che mi ascoltino. Mi sento tanto sola in questa stupenda capitale portoghese...Il tirocinio all'Istituto Italiano di Cultura mi riempie l'intera gornata, e quando esco alle 18 ho due scelte: quella di tornare a casa a riposarmi un po' o quella di starmene un po' in giro (generalmente è quella che preferisco). Ultimamente ho anche il pensiero della tesi in testa, che mi fa deviare per casa, ma una volta arrivata a casa non riesco a studiare...Ho bisogno di luoghi diversi dai miei soliti contesti per riuscire a concentrarmi...Sento che non sto vivendo Lisbona come dovrei e questo mi fa stare male. Arrivata la sera, non so con chi uscire, e spesso rimango in casa, gettata su questo computer che comincio ad odiare (ho già eliminto facebook, che sia il totale annullamento da internet l'alternativa a vivermi ciò che ho attorno?)...Non so se sia il caso di uscire da sola la sera..Ebbene, non riesco a farmi degli amici..I portoghesi sono riservati, a lavoro sono la più piccola, tutti hanno la propria vita, la propria famiglia...A casa vivo con due donne di S.Tomè (di 52 e30 anni), simpaticissime entrambe, ma troppo stanche la sera per starsene in giro e, ahimè, sono in cattivi rapporti tra loro così ognuna rimane nella propria stanza. Abito inoltre con due ragazzi portoghesi di 21 e 24 anni, ma per quanto mi sforzi di parlare con loro e fare amicizia, arrivata la sera o non ci sono o rimangono anche loro in camera. A volte mi sento così tanto sola. I primi giorni combattevo contro questo stato d'animo, giravo alla costante ricerca di amici, adesso sembra quasi che io mi stia arrendendo e il che mi innervosisce..Non che voglia uscire sempre o fare chissà che, ma mi manca un'amica con cui parlare, con cui condividere pensieri. A volte mi sento davvero impazzire. Penso che mi farà bene quest'esperienza: scavo dentro me, in questo silenzio che mi fa conoscere di più, ma a volte mi guardo allo specchio e mi vedo più invecchiata: che non abbia più la forza di un tempo?
è dura, è dura..Ho bisogno di un po' di spirito di avventura che mi rianimi...

2 commenti:

pmor ha detto...

direi che ti stai perfettamente integrando a Lisbona e alla sua malinconia... non abbatterti e continua a cercare, ma dentro te... io, fossi in te, uscirei anche solo. sarà che sono in uno di quei periodi in cui mi piacerebbe starmente con me, i miei pensieri, la mia musica, le mie letture... per cui girerei... guarderei... cercherei... e penserei... in ogni caso: resisti! un abbraccio

un tocco di zenzero ha detto...

io sono abituata a uscire sola generalmente, non mi sono mai fatta di questi problemi, ma qui me lo hanno sconsigliato..cmq si...lo farò..ora ho spulciato sul sito degli erasmus..comincerò dalle loro feste..vediamo un po'...grazie Lillo :)